Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Direste mai che questo quadro ha qualcosa di malvagio? Basta guardarlo da un’altra prospettiva

Il quadro di un noto pittore sloveno è interessante e singolare allo stesso tempo ma sembra trasmettere malvagità..

L’ arte è fatta di emozioni, sentimenti, simbolismo, prospettiva, tecnica, impulsività, esperienza, significati, senza tempo e senza limite. Molti pittori e pittrici nel corso della storia hanno dato libero sfogo alla propria creatività, mossa dal proprio animo, da uno sviluppo costante dell’arte in continua trasformazione. In particolare, nel caso della pittura non si crea solo con luce, armonia, bellezza, colore, ecc. ma anche con oscurità, inquietudine, follia, dramma, tristezza, ecc. È proprio ogni emozione contrastante e liberatoria che può dar vita a un’ espressione, una provocazione, un concetto, un’ opera d’arte completa nel bene e nel male.

il vecchio pescatore di Tivadar Kosztka significato
Vecchio pescatore 1902 di Tivadar Kosztka – labiennale.it

Si tratta della piena espressione di ciò che si vuole comunicare, dando forma non solo al mondo tangibile, ma anche a condizioni astratte, concetti, emozioni, pensieri, fantasie, che spesso realizzate sotto forma di opera d’arte possono anche non essere comprese, nonostante i forti significati, storie e sentimenti nascosti. Come capitato a molti artisti, anche il pittore sloveno Tivadar Kosztka non venne sempre apprezzato, sia come persona che per alcune sue opere, di cui una in particolare nascondeva un singolare segreto, scoperto solo dopo la morte dell’artista.

Il quadro inquietante del pescatore

Tivadar Kosztka era un artista sloveno dei primi anni del Novecento, dalla forte fragilità psichica e dalla vita rivoluzionaria. Viaggiò moltissimo dopo aver abbandonato il ruolo di farmacista, investendo in lunghi viaggi tra Europa, nel Nord Africa e in Medio Oriente. In questo modo man mano arricchì la sua arte, che poteva essere definita come una reinterpretazione della pittura en plein air. Nei suoi quadri erano molto presenti paesaggi mediterranei, la luminosità della luce solare, l’ utilizzo di colori brillanti, i contrasti e la fusione tra civiltà umana e creazione divina. L’artista divenne famoso soprattutto dopo la sua morte, mentre in vita la sua arte non era stata apprezzata a pieno. Un quadro in particolare però divenne particolarmente famoso.

il vecchio pescatore di Tivadar Kosztka significato
Quadro originale “Vecchio Pescatore” 1902, olio su tela, 45 × 59.5 cm, si trova al Museo Ottó Herman, Miskolc, Tivadar Kosztka Csontváry – labiennale.it

Si tratta del quadro del “Vecchio Pescatore” realizzato nel 1902. La prima particolarità di questo quadro è la sensazione di disturbo che crea alla vista, che è data dall’asimmetria del volto dell’anziano raffigurato in preghiera, davanti a un paesaggio col mare in lontananza. Apparentemente sembra che questo dettaglio asimmetrico possa passare in secondo piano senza importanza, ma in realtà è il punto focale dell’opera. Dividendo l’immagine a metà in modo speculare, è stato scoperto che si possono ottenere ben due figure.

L’effetto darà vita a un quadro che riflette a sinistra un uomo in preghiera, dallo sfondo luminoso, con un mare calmo, colori chiari, che trasmette calma e tranquillità. Riflettendo il lato destro invece appare una figura dall’espressione malvagia, oscura, che somiglia al volto del diavolo, con colori cupi, uno sfondo dal cielo nuvoloso e mare agitato. Nel quadro Tivadar Kosztka ha voluto rappresentare la dualità degli opposti, ying e yang, bene e male, due elementi contrastanti e anche complementari. Questo significato riflette l’animo umano e il suo dualismo, così come l’ equilibrio esistenziale. Un’opera in grado di inquietare l’osservatore pur trasmettendo un attento messaggio morale ed esistenziale.

Impostazioni privacy