Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Nella tua cantina o a casa dei nonni c’è un quadro che ti sembra di valore? La piccola guida per capire cosa fare

Alcuni vecchi quadri di valore potrebbero essere in attesa di essere riscoperti: conservati a casa dei propri nonni, nella propria cantina o altri luoghi. Ecco come valutare quanto valgono..

Ognuno avrà notato che nella casa di persone più anziane come i nonni, nei garage, nella propria cantina di casa, ci si può ritrovare a rovistare tra vecchi ricordi, mobili, cassetti, valige, scatole, dove è possibile ritrovare vecchi oggetti del passato dimenticati nel tempo, che possono anche nascondere un grande valore. Tra i vari articoli può capitare di incappare nel ritrovamento di quadri di qualsiasi genere, di anni passati, che potrebbero aver raggiunto un grande valore e cifre rilevanti.

come valutare i quadri
Come valutare i quadri per capire il loro valore – labiennale.it @pinterest/joannagoddard|CupofJo

In passato aggiungere dei quadri all’arredamento era una scelta comune che, ancora oggi, dava la possibilità di arricchire e valorizzare la casa dal punto di vista estetico e culturale, contribuendo a definire anche lo stile e l’atmosfera degli ambienti domestici. Oggi, sebbene le tendenze nell’arredamento possano essere cambiate, l’uso dei quadri come elementi decorativi rimane ancora diffuso.

Come capire se un quadro è di valore

Dare un’occhiata nelle cantine, garage, depositi, nelle case dei propri nonni, zii, che hanno vissuto i periodi passati, o della propria casa, potrebbe rivelare grandi sorprese e ritrovamenti. Molti quadri e altre opere d’arte che finiscono dimenticate infatti possono essere rivalutate, sia quelle antiche che quelle contemporanee, per poi scoprire che potrebbero valere anche grandi somme in denaro. Per farlo solitamente ci si può affidare a esperti nel campo delle valutazioni d’autenticità. Ciò nonostante è possibile capire anche autonomamente in modo preventivo se un quadro può valere molto, facendo attenzione a dei piccoli particolari. Ecco alcune linee guida per capire se un opera può essere di valore:

come valutare i quadri
Linee guida per valutare un vecchio quadro trovato in cantina, a casa dei nonni, zii, in un garage, ecc. – labiennale.it
  • Utilizzare una lente di ingrandimento: sarà utile per individuare ed esaminare anche i dettagli più piccoli e sfuggenti all’interno dell’opera sulla pittura e i materiali.
  • Datare il telaio: con un esame spettoscopico è possibile far analizzare il telaio del quadro qualora fosse realizzato in legno, in modo da capire a quale anno corrisponde.
  • Analisi del dipinto: è importante analizzare l’opera considerando lo stile e la scuola pittorica.
  • Analisi dell’autore: i pittori dell’800-‘900 riportano sempre una firma e facendo riferimento all’artista si potrebbe semplificare il fatto di riconoscere il valore dell’opera. Su quadri che potrebbero risalire a un epoca tra il ‘500 e il ‘700 non appare una firma quindi la ricerca dovrebbe basarsi più sullo stile del quadro. In alcuni casi i quadri con o senza firma potrebbero anche avere sul retro l’Autentica, ovvero un certificato che dichiara che l’opera è vera, insieme ad altre informazioni che possono essere fornite dall’autore stesso o da chi ha valutato l’opera in precedenza.
  • Stato di conservazione: un’opera di valore, anche se antica, più è tenuta bene più manterrà il suo valore e più sarà semplice determinarlo, specie qualora si volesse vendere.
Impostazioni privacy