Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Stufa a pellet, possiamo già prepararci all’addio: cambia tutto

Molte presto diremo addio al pellet tradizionale, è, infatti, in arrivo un’alternativa decisamente più economica e meno nociva per l’ambiente 

Le stufe a pellet sono apparecchiature di riscaldamento che utilizzano il legno come combustibile per generare calore. Molte sono le persone che usano questo tipo di calorifero per le proprie case in quanto funzionano seguendo un processo relativamente semplice ma efficace.

Addio stufe a pellet novità
Molto presto diremo addio alle stufe a pellet – Labiennale.it

I pellet di legno sono caricati nell’apposito serbatoio della stufa il quale può variare in dimensioni a seconda del modello della stufa, ma generalmente può contenerne una quantità sufficiente per diversi giorni di funzionamento. A causa del continuo aumento dei prezzi, è emersa una soluzione innovativa nel panorama del riscaldamento domestico che si rivela essere molto più vantaggioso dal punto di vista sia economico che ambientale.

Una nuova frontiera per il pellet a costi decisamente competitivi

Una vera e propria rivoluzione del settore è rappresentato dal bambù che viene ottenuto attraverso un processo di pressatura della sua fibra. Questo meccanismo crea un combustibile compatto con un alto valore calorifico, rendendolo ideale per l’uso domestico. Inoltre, il pellet di bambù ha un contenuto di carbonio inferiore rispetto a quello di legno tradizionale, riducendo le emissioni nocive durante la combustione.

Addio stufe a pellet novità
Il pellet di bambù è molto più economico e sostenibile – Labiennale.it

Una delle caratteristiche più significative, dunque, è la sua sostenibilità. Inoltre, il bambù è una delle piante a più rapida crescita sulla terra, il che significa che può essere raccolto dopo soli quattro anni dalla piantagione. Questo ciclo di crescita rapida lo rende una fonte rinnovabile e sostenibile di combustibile, contribuendo anche al recupero di terreni degradati e alla lotta contro la deforestazione.

Tra l’altro, ha un tasso di residuo cenere estremamente basso, rendendolo una scelta pulita e eco-compatibile per il riscaldamento domestico. Dal punto di vista economico, il pellet di bambù offre numerosi vantaggi. La sua disponibilità a costi competitivi sul mercato lo rende una scelta accessibile per una vasta gamma di consumatori. Il pellet di bambù mostra proprietà uniche, come una densità variabile tra 600 e 800 kg/m^3 e un valore calorifico che si aggira tra i 4.800 e i 5.200 Kcal/kg.

Anche se il suo contenuto di lignina e cellulosa è leggermente superiore rispetto ad altri tipi, come quello di girasole o mais. Insomma, con i suoi innumerevoli vantaggi e il suo potenziale per ridurre l’impatto ambientale, il pellet di bambù sta rapidamente guadagnando popolarità come alternativa al pellet tradizionale, indicando un cambiamento significativo nel modo in cui ci riscaldiamo e consumiamo energia.

Impostazioni privacy