Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Assegno Unico, si perdono più di 150 euro: stangata tremenda per gli italiani

Assegno Unico, arriva una stangata per le famiglie italiane: rischiano di perdere più di 150 euro. Tutto quello che c’è da sapere 

L’Assegno Unico è un sostegno fondamentale per le famiglie italiane soprattutto per quelle che si trovano in serie difficoltà economiche.

Assegno unico si perdono 150 euro perché
Brutte notizie per le famiglie che ricevono assegno unico – Labiennale.it

Si tratta di un aiuto che viene concesso in base al reddito del nucleo familiare, infatti, è necessario presentare l’ISEE che non deve superare una determinata soglia. Tale sostegno viene concesso per ogni figlio a carico già a decorrere dal settimo mese di gravidanza. Per quel che concerne, invece, quelli maggiorenni il beneficio è concesso fino ai 21 anni di età soltanto a determinate condizioni.

Assegno Unico: si rischia di perdere 150 euro, tutti i dettagli

Il rinnovo dell’Isee è un passaggio fondamentale per poter beneficiare dell’Assegno Unico, qualora non venga presentato le famiglie rischiano che i sostegni finanziari siano ridotti in modo significativo. E non si tratta di pochi soldi: stiamo parlando di circa 175 euro in meno al mese per figlio, e in alcuni casi la perdita può essere ancora più grave. La scadenza per il rinnovo dell’Isee è fissata al 29 febbraio di quest’anno, quindi c’è ancora tempo per agire e evitare di perdere questi fondi preziosi.

assegno unico rischio di perdere 150
Rinnovare l’ISEE garantisce di ricevere la cifra corretta – Labiennale.it

Esistono diverse modalità per ottenere il rinnovo dell’Isee in tempo utile, è possibile, ad esempio, utilizzare il servizio precompilato disponibile sul sito dell’Inps che permette di ottenere l’attestazione in poche ore. Tuttavia, è bene considerare che i centri di assistenza fiscale e i patronati potrebbero impiegare più tempo per elaborare le pratiche. Quindi è meglio assicurarsi che il rilascio avvenga entro la scadenza prevista. Una volta che si ottiene il rinnovo, non è necessario compiere ulteriori azioni: l’Inps acquisisce direttamente l’attestazione e calcola l’importo dell’Assegno Unico in base alle nuove informazioni.

Chi non riesce a rinnovare l’Isee entro la scadenza rischia di vedere dimezzato l’importo dell’Assegno Unico, a partire già dal mese di marzo. Tuttavia, c’è una buona notizia: anche se si dovesse perdere l’importo dovuto a causa del mancato aggiornamento, è possibile recuperare le somme perse. Chi, infatti, richiede il rinnovo dell’Isee entro il 30 giugno, le somme eventualmente non percepite possono essere corrisposte in modo retroattivo.

Inoltre, è importante tenere presente che l’aggiornamento dell’Isee può comportare variazioni nell’importo dell’Assegno Unico. Alcune famiglie possono vedere ridotto l’importo a causa di un reddito più alto. Mentre altre potrebbero beneficiare di un aumento se dovesse risultare inferiore rispetto all’anno precedente. In definitiva, il rinnovo di tale dichiarazione è un passaggio importate per garantire il giusto importo dell’Assegno Unico per le famiglie italiane. È importante, dunque, agire tempestivamente per evitare di subire una stangata economica.

Impostazioni privacy