Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Perché il Golden Gate si chiama “golden” ma è di colore rosso? Le stranezze del ponte più famoso del mondo

La storia del Golden Gate Bridge e del suo nome si nasconde dietro piccoli dettagli della struttura e delle idee di chi lavorò al progetto. Ecco spiegato perchè si chiama così nonostante il suo aspetto..

Il Golden Gate Bridge è uno dei ponti più iconici al mondo considerato un’opera d’arte architettonica e ingegneristica, costruito a San Francisco in California per collegare la città alla contea Marin. Il ponte è stato progettato dall’ingegnere strutturale Joseph Strauss tra il 1933 e il 1937, una struttura sospesa che si estende per 2,7 chilometri composto da 2 torri imponenti di 227 metri di altezza sopra il livello del mare.

il colore del golden gate bridge
Il Golden Gate Bridge ( costruito tra il 1933-1937), San Francisco, California – labiennale.it

All’epoca era fra i più grandi ponti sospesi del mondo. Inoltre, ciò che lo rende particolarmente iconico è il suo colore rosso arancio, tra le simbologie attribuite al ponte c’è sicuramente la forza dell’ingegneria umana e l’aspirazione verso l’innovazione legate agli Stati Uniti e alla stessa città di san Francisco.

Perchè il Golden Gate Bridge non venne realizzato color oro?

Il colore del ponte è di una tonalità chiamata arancio internazionale. L’acciaio destinato alla fabbricazione arrivò coperto da un primer base, dall’ insolito colore arancio bruciato. Il celebre architetto Irving Morrow scelse per il Golden Gate Bridge il colore arancio perchè secondo lui si abbinava meglio al paesaggio urbano di fondo, ed era un colore che poteva essere anche facilmente riconoscibile in caso di nebbia per chi entrava nello stretto via mare. La Marina Militare propose anche il colore nero e giallo per far si che si vedesse con la nebbia, ma la scelta dell’arancio permise di conciliare le esigenze estetiche e pratiche della struttura.

il colore del golden gate bridge
Perchè il Golden Gate Bridge di San Francisco è arancione anzi che di un colore dorato? – labiennale.it

Inoltre, c’è da ricordare che il nome Golden Gate Bridge, seppure non si tratti di un ponte dorato (=golden), deriva dal nome dello stretto attraversato dalla struttura, ovvero il Golden Gate che mette in comunicazione l’Oceano Pacifico con la Baia di San Francisco. Più precisamente, il nome dello stretto si chiama così perchè il capitano Fremont (1813-1890) durante i suoi viaggi trovò una stretta somiglianza con il leggendario stretto del Bosforo (Turchia), chiamato in greco antico “Chrysórrhoas”, che significa “fiume dorato”. Il ponte californiano ad oggi viene chiamato con stesso nome, dopo che venne proposto dall’ingegnere urbanistico della città di San Francisco M. H. O’Shaughnessy nel 1917, prima della sua costruzione.

Impostazioni privacy