Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Nuovo braccio di ferro tra Apple e l’Europa: il colosso tech trema

Problemi per Apple, c’è un nuovo braccio di ferro con l’Europa. Ecco che cosa sta succedendo, ora il colosso tech inizia a tremare

Per Apple questo non è il migliore dei periodi dal punto di vista legale, soprattutto con l’Europa, considerando i tanti emendamenti e le raccomandazioni che l’UE ha fornito proprio all’OEM di Cupertino negli ultimi anni. In particolare, per la vendita di determinati prodotti o la circolazione di app e software, basti pensare al passaggio all’USB-C per gli iPhone, con l’abbandono definitivo del Lightning.

Scontro tra Apple ed Europa motivi
Ancora problemi per Apple, possibile nuova causa con l’UE – Labiennale.it

Ma non sembra essere finita qui, anzi. Di recente è emerso un nuovo grattacapo che potrebbe interessare proprio Apple. Secondo quanto si legge è tutto “apparecchiato” per l’ennesimo braccio di ferro con l’Europa che potrebbe portare a conseguenze molto pesanti. All’azienda californiana in primis e poi a tutti gli utenti che sono soliti utilizzare quotidianamente i servizi e i dispositivi del brand.

Problemi per Apple, è braccio di ferro con l’Europa: tutti i dettagli

C’è una possibile nuova indagine in arrivo per Apple, con l’antitrust in Europa che sta preparando alcuni documenti per poter procedere con un’operazione richiesta da tempo. Che porterebbe a non poche difficoltà per l’azienda californiana che verrebbero poi riversate anche sui consumatori stessi, ecco per quale motivo.

Scontro tra Apple ed Europa motivi
Scatta la possibile nuova indagine ai danni di Apple – Labiennale.it

Ad essere interessate sono in particolare le web app in Europa, bloccate a seguito di una recente decisione dell’Antitrust. Coi primi segnali che già sono emersi nella versione 17.4 di iOS. Secondo quanto si legge, Apple avrebbe preso questa decisione per potersi conformare alla legislazione antitrust. Ma non è da escludere una nuova indagine in questo senso, nonostante i passi in avanti della mela morsicata.

Se inizialmente con iPhone le progressive web app erano le uniche modalità per gli sviluppatori di terze parti di lanciare una nuova applicazione, la situazione è cambiata quando si è deciso di optare per le sole app native. Recentemente Apple ha bloccato l’uso di queste web app in Europa per conformarsi al Digital Markets Act. Il che vuol dire che l’azienda non potrà più imporre l’uso di WebKit per i vari browser concorrenti.

Ma secondo il Financial Times, l’UE avrebbe già avviato le prime contromosse per un’indagine formale riguardante la decisione di bloccare alcune applicazioni che si trovavano sul suo App Store. Sono state inviate nella scorsa settimana alcune domande agli sviluppatori, per comprendere qual è stato l’impatto della decisione di Apple. L’azienda americana per ora non ha commentato, ma si attendono sviluppi già nei prossimi giorni.

Impostazioni privacy