Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Ville e palazzi storici da non perdere in primavera: quando unire aria pulita e cultura

Per la primavera vale la pena unire giornate all’insegna della cultura e della natura visitando ville e palazzi storici..

Unire le giornate primaverili a momenti dedicati alla conoscenza e alla cultura permette di creare un connubio perfetto, in cui la bellezza e il benessere di passare una giornata all’aperto si fonde con la meraviglia dell’apprendimento e della curiosità. Inoltre, l’unione delle belle giornate primaverili con la cultura non si limita solo alla visita di spazi urbani, ma potrebbe estendersi anche alle aree rurali per approfittare di una gita fuori porta.

ville e palazzi storici primavera
Ville e palazzi storici da visitare in primavera (villa Carlotta- Lago di Como) – labiennale.it

Per immergersi tra storia e cultura si può considerare di visitare non solo musei ma anche ville e palazzi storici. Ciò offre la possibilità di riscoprire luoghi del passato, storie e vite di chi li ha vissuti e prendersi del tempo per ammirare anche l’architettura e le opere d’arte, che spesso sono racchiuse al loro interno.

Ville e palazzi storici da visitare in primavera

Ville e palazzi storici offrono un’esperienza culturale che riguarda le strutture in tutto il loro complesso. Per questo in primavera diventano dei luoghi perfetti dove passare il proprio tempo, e dove è possibile visitare non solo gli interni ma anche gli esterni tra parchi e giardini circostanti. In alcuni casi potrebbe essere possibile far coincidere la visita con giornate culturali, che possono essere arricchite ulteriormente con eventi speciali, come concerti all’aperto, spettacoli teatrali o visite guidate che ci permettono di approfondire la comprensione della storia e dell’arte. Ecco quali sono le ville e i palazzi storici da non perdere questa primavera:

ville e palazzi storici
(s) Palazzo Malacrida – Morbegno  ; (d) Villa Medicea di Poggio – Caiano – labiennale.it @instagram/laura.mazzoni/residenzesabaude

1- Palazzo Malacrida – Morbegno

Si tratta di un palazzo storico risalente al XVIII secolo. Al suo interno è molto sofisticato rispetto al suo esterno, sono presenti leggerissimi stucchi nei rilievi delle colonne in serizzo e volte a crociera decorate a stucchi con colori tenui. È da ammirare soprattutto il salone da ballo con gli affreschi di Cesare Ligari e del Coduri, tra cui Il trionfo della verità nelle arti e nelle scienze, sull’ignoranza. Lo stile predominante è il Roccocò, con architetture dall’effetto del trompe l’œil.

2- Villa Medicea di Poggio – Caiano

È una delle ville medicee più famose che ospita anche due nuclei museali: uno degli appartamenti storici e il Museo della natura morta. L’aspetto architettonico venne commissionato da Lorenzo il Magnifico a Giuliano di Sangallo nel 1480 e rappresenta una delle più celebri residenze dei Medici. Inoltre, come altre ville medicee, anche questa fa parte del Patrimonio dell’Umanità Unesco.

ville e palazzi storici
(s) Palazzo dello Spagnolo – Napoli; (d) Villa Carlotta – Lago di Como – labiennale.it @instagram/materdeiemeraldrooms/villacarlotta_lakecomo

3- Palazzo dello Spagnolo – Napoli

È situato nella città di Napoli costruito nel 1738, su commissione del marchese di Poppano Nicola Moscati. È un opera architettonica molto pregiata in perfetto stile barocco napoletano, caratterizzato dalla scala principale a doppia rampa, che costituisce la facciata interna dell’edificio. Presenta negli interni decorazioni in stucco in stile Roccocò.

4- Villa Carlotta – Lago di Como

Si trova in un punto panoramico sul Lago di Como, risalente al 1690, dal paesaggio pittoresco, più precisamente sul borgo di Bellagio. Al suo interno sono presenti diverse collezioni d’arte custodite mentre all’esterno si può ammirare un magnifico parco botanico che merita di essere visitato. È famoso soprattutto per la fioritura che si può ammirare in primavera, tra la varietà di 150  rododendri e azalee.

Impostazioni privacy