Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Tenuto nascosto per 25 anni: il quadro maledetto per eccellenza

Quando l’arte si trasforma in terrore: conosci la storia di un uomo angosciato chiuso in cantina per ben 25 anni?

Quando parliamo di un’opera che ritrae un uomo angosciato, sicuramente ci balza subito alla mente l’urlo di Edward Munch. Esistono, però, altre opere che ritraggono uomini presi dall’angoscia e che sono ancora più spaventose perchè accompagnate da storie terribili.

Opera maledetta
The Anguished Man, L’uomo angosciato, autore sconosciuto – Foto YouTube @HORROR PHOBIA (labiennale.it)

Questo è il caso di un’opera chiamata per l’appunto The Anguished Man, ossia l’uomo angosciato. Il quadro appartiene a Sean Robinson e si trova negli Stati Uniti. A quanto pare, alle spalle dell’opera c’è una storia di maledizione raccontata e documentata dagli stessi proprietari. Ma cosa si nasconde dietro questo quadro?

La mano sconosciuta che ha dipinto con la blood painting

Non si conosce il nome dell’artista che ha dipinto quest’opera e non si sa nemmeno precisamente come sia arrivata alla prima proprietaria. La donna, infatti, racconta di aver ricevuto l’opera in dono da un amico di cui però non si fa mai mai il nome. La proprietaria l’ha tenuto chiusa in cantina per ben 25 anni in quanto la sola vista dell’opera la terrorizzava. Secondo lei era un dipinto demoniaco e l’uomo ritratto pare andasse in giro per la stanze.

Intorno alla leggenda gira anche il mistero della tecnica utilizzata per dipingere quest’opera. Infatti, si crede che l’artista avesse utilizzato il suo stesso sangue, ovvero la blood painting. Si tratta di una tecnica che esiste da molto tempo e che consiste nel mescolare del sangue alla pittura. Si dice anche che dopo aver donato l’opera alla donna, l’artista si fosse suicidato.

Blood painting
Un’opera realizzata col sangue? Così pare (labiennale.it)

Sean Robinson, il nipote della prima proprietaria, non era superstizioso come la nonna e quando ereditò l’opera, decise di esporla in salotto, senza curarsi di nasconderla in soffitta o in cantina. La scelta non fu particolarmente felice. Infatti, nella stanza in cui era presente il quadro si potevano sentire pianti e lamenti. Incuriosito, più che spaventato, l’uomo deciso di riprendere tutto con la telecamera.

Dal video che ne è venuto fuori, si vede come in più di un’occasione il quadro sia caduto da solo dalla parete. Inoltre, si vede una materializzarsi una nuvola di fumo mentre una strana figura si aggirava per la stessa stanza. Ma i guai non si limitarono solo ad apparizioni, voci e rumori.

Accadde che il figlio di signor Robinson cadde per le scale rompendosi un femore. Proprio in quell’occasione, la moglie riferì di aver avvertito una carezza tra i capelli e di aver percepito una presenza maligna. Vista questa situazione, il proprietario ha deciso finalmente di fare qualcosa e di relegare l’opera in cantina. Molti dicono che nel quadro sia racchiuso, tramite l’uso del sangue, lo spirito malinconico del suo autore morto in maniera violenta e che quindi questo emani un’aura negativa.

Su YouTube è possibile vedere molti video del dipinto in questione, se avete abbastanza coraggio non vi resta che cercare.

Impostazioni privacy