Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

La villa in Italia capolavoro architettonico amato in tutto il mondo, ma qui da noi nessuno la conosce

Questo gioiello nascosto nel verde di una delle isole italiane più belle non è ancora molto noto al grande pubblico: una villa capolavoro.

Nel cuore pulsante del Mediterraneo, su un’isola che da secoli incanta viaggiatori e poeti, sorge un gioiello architettonico di cui molti italiani ignorano l’esistenza. Questo paradigma di bellezza e innovazione si cela nelle rocce scoscese di Capri, avvolte dai misteri del mare azzurro che lambisce le sue fondamenta. La residenza, nonostante il suo fascino straordinario e la sua storia affascinante, sembra sfuggire all’attenzione del grande pubblico italiano.

villa Italia capolavoro architettonico
Conosciuta e apprezzata dagli esperti di architettura e design, Villa Malaparte non è particolarmente nota al grande pubblico – labiennale.it

Stiamo parlando di Villa Malaparte, progettata nel 1938 dall’architetto Adalberto Libera per Curzio Malaparte, scrittore e intellettuale eclettico. Questo edificio rappresenta una delle espressioni più significative del razionalismo italiano, corrente che ha rivoluzionato il modo di concepire lo spazio e la funzionalità in architettura. La villa emerge dalle aspre rocce di Punta Massullo, quasi a sfidare le leggi della gravità, e si affaccia sul Golfo di Napoli, offrendo uno spettacolo naturale di incommensurabile bellezza.

Un tesoro nascosto fra la vegetazione dell’isola di Capri

Nonostante la sua fama internazionale, culminata con l’apparizione sul poster del Festival di Cannes 2016 e l’utilizzo come set cinematografico per film di risonanza mondiale come “Il Disprezzo” di Jean-Luc Godard, in Italia, Villa Malaparte sembra vivere in una sorta di limbo conoscitivo. La domanda sorge spontanea: come può un capolavoro di tale magnitudine rimanere quasi un segreto nel suo paese d’origine?

capri villa malaparte
Villa Malaparte è un vero e proprio manifesto artistico e culturale – labiennale.it

 

La villa si distingue non solo per la sua posizione unica, ma anche per l’audacia del suo design. Il rosso pompeiano delle sue mura esterne si staglia contro il blu del cielo e del mare, creando un contrasto visivo che cattura immediatamente l’attenzione. L’interno della casa riserva sorprese altrettanto affascinanti: dal camino centrale con vista sui Faraglioni all’ampio soggiorno che si apre su diverse vedute dell’isola, ogni elemento è pensato per creare una perfetta armonia con l’ambiente circostante.

La grande terrazza, senza balaustrate, offre una vista mozzafiato sul mare, facendo sentire i visitatori sospesi tra cielo e terra. Curzio Malaparte stesso contribuì in modo significativo alla realizzazione della villa, immaginandola come un “relitto sulla roccia” che potesse dialogare con la natura in maniera organica e profonda.

Oggi, Villa Malaparte è di proprietà della Fondazione Giorgio Ronchi e non è aperta al pubblico, il che contribuisce al suo fascino misterioso. Malaparte desiderava che diventasse un luogo di incontro per artisti cinesi, un ponte culturale tra Oriente e Occidente, ma questa sua visione deve ancora trovare il modo per essere realizzata.

La scarsa conoscenza di Villa Malaparte tra gli italiani potrebbe essere attribuita a diversi fattori, dalla sua inaccessibilità fisica alla mancanza di promozione adeguata. Eppure, questo capolavoro rimane un simbolo dell’ingegnosità e della creatività italiane, un esempio di come l’architettura possa fondersi con la natura per creare qualcosa di veramente unico.

Impostazioni privacy