Chi siamo

Redazione

Disclaimer

Privacy Policy

Dante Alighieri non era come lo abbiamo sempre conosciuto: scoperta la verità

Tutti abbiamo sempre avuto un’immagine chiara di Dante Alighieri nella testa, ma se non fosse stato realmente così? Ecco la verità

Dante Alighieri, ricordati da tutti come Il Sommo Poeta, è impresso nell’immaginario collettivo e culturale di qualsiasi italiano e non solo: le sue opere letterarie, infatti, vengono studiate pedissequamente tra i banchi di scuola, divenendo anche grande fonte di ispirazione per altre branche del sapere, quali arte, cinema e via dicendo.

ricostruzione faccia dante alighieri
E’ emersa una nuova ricostruzione di Dante Alighieri (labiennale.it)

Il desiderio di dare un volto ad una personalità così celebre è stato costante ed incessante tra gli studiosi, motivo per cui sono state ricercate tutte le possibili fonti a cui attingere per creare una sorta di identikit (visivo e non) del poeta. Le più gettonate sono state, chiaramente, opere d’arte e descrizioni da parte di altri autori e poeti, vissuti possibilmente nella sua stessa epoca storica.

La rappresentazione artistica considerata, in assoluto, più fedele alla realtà è sempre stata quella realizzata dal pittore Sandro Botticelli nel 1495 (che vi mostriamo nell’immagine). Ulteriori dettagli, da cui spesso sono partiti gli studiosi attuali, sono stati reperiti dalla descrizione di Giovanni Boccaccio, il quale però è vissuto successivamente al Sommo: questo, però, non l’ha fermato dal giungere ad una conclusione esaustiva in tal senso.

Dante Alighieri, ecco come sarebbe stato realmente il suo volto

Per quanto Boccaccio non abbia mai conosciuto Dante, ha raccolto negli anni testimonianze concrete di persone a lui vicine per arrivare ad una descrizione fedele. Tra le info reperite, troviamo media statura, un’ attitudine un po’ curva, viso allungato e naso aquilino. Ebbene, ad oggi si è andati decisamente oltre tutto questo grazie all’accurato lavoro del grafico Cicero Moraes e del team dell’Università Federale di Uberlândia in Brasile (pubblicato su OrtogOnLineMag).

ricostruzione faccia dante alighieri
Come sarebbe realmente Dante Alighieri in base alle ultime ricostruzioni. Foto da IG @revistapoder (labiennale.it)

L’esperto di grafica ed il suo gruppo di lavoro volevano ricreare una rappresentazione di Dante il più fedele possibile alla realtà. Non sono, però partiti dalle dichiarazioni di Boccaccio, ma da uno studio del 1921 sul teschio del poeta stesso e su altre informazioni sulla sua fisionomia tratte da un articolo del 2007. Il maggiore supporto tecnologico di cui si può godere ai giorni nostri, inoltre, ha reso l’operazione decisamente più agevole e, soprattutto, realistica.

Nell’immagine, vi mostriamo il risultato ottenuto da Moraes e dal suo team, realizzato con un processo di “approssimazione facciale”, volto a deformare un volto fino ad un totale adattamento al cranio. Grazie a questa tecnica super moderna ed innovativa è stato possibile scardinare due connotati fondamentali dell’aspetto del poeta, ovvero naso e mento, che rispetto al ritratto di Botticelli non sarebbero stati realmente così sporgenti e pronunciati.

Che ne pensate?

Impostazioni privacy